ultime offerte

 Lo stage in Francia

La prima cosa da sapere è che in questo Paese non sono ammessi i tirocini extracurriculari: lo stage può essere esclusivamente curriculare e pertanto può essere svolto soltanto se si è iscritti a un percorso scolastico, formativo o universitario.
Secondo la normativa francese, lo stage è un periodo di formazione
on the job che consente all’allievo/studente di acquisire competenze professionali relative al suo percorso di istruzione o formazione. Per poter essere effettuato, inoltre, deve essere integrato in un programma di formazione che preveda almeno 200 ore all'anno di insegnamento.
La
durata non può essere superiore ai 6 mesi per ogni anno di insegnamento; se lo stage viene svolto in periodi diversi durante un anno di insegnamento, la durata massima sarà di 924 ore annue.
Il rapporto di stage si basa su una Convenzione (
Convention de stage) che coinvolge tre soggetti: lo stagista, il soggetto ospitante (impresa, pubblica amministrazione, autorità locale, istituto sanitario, associazione o altra organizzazione) e l’istituto di istruzione o formazione presso cui è iscritto il tirocinante. La Convenzione deve essere sottoscritta anche  dall’insegnante di riferimento presso l’istituzione educativa o formativa e dal tutor del soggetto ospitante.
In questo documento devono essere indicati: il titolo completo del corso di istruzione o formazione e il numero di ore per anno o semestre di insegnamento; le attività affidate al tirocinante; i nominativi dell'insegnante di riferimento e del tutor dell’organizzazione ospitante; le date di inizio e fine dello stage e la durata massima settimanale della frequenza dello stagista; le condizioni di autorizzazione di assenza; la tariffa oraria della
gratification, calcolata sulla base della presenza effettiva del tirocinante; gli eventuali benefit che il tirocinante può ricevere (mensa, buoni pasto, alloggio ecc.).
Se lo stage dura più di
2 mesi (equivalenti a 44 giorni per 7 ore al giorno), durante lo stesso anno scolastico o universitario, il soggetto ospitante è tenuto a corrispondere allo stagista una gratification il cui ammontare deve essere almeno pari al 15% del massimale della sicurezza sociale (3,75 euro l’ora, equivalenti a circa 570 euro al mese per uno stage a tempo pieno). Gli enti pubblici non possono pagare una gratification superiore all'importo minimo, pena di riqualificazione del rapporto di tirocinio in contratto di lavoro.
Al termine dei tirocinio, il soggetto ospitante deve rilasciare al tirocinante un attestato
di stage in cui vengono riportate le informazioni principali sull’esperienza svolta.
Per ulteriori approfondimenti sullo stage in Francia, si può consultare l’utile
Guide pratique des stages étudiantes del Ministère de lʼEnseignement supérieur, de la Recherche et de lʼInnovation.


Riferimenti legislativi

L’inquadramento legislativo degli stagisti in Francia si è molto evoluta negli ultimi anni. Obiettivo: garantire tirocini di qualità per gli studenti, migliorare lo status del tirocinante ed evitare abusi da parte delle imprese. Gli stage sono regolati da un apparato legislativo (atti, leggi e decreti) che - a partire dal giugno del 2000 - è stato ordinato e raggruppato nel Code de l’éducation disponibile sul sito  Légifrance che viene costantemente aggiornato. In particolare gli stage sono regolati dalle disposizioni degli articoli da 124-1 a 124-20 del Codice dell'istruzione, ad eccezione degli stage inerenti la formazione continua (definiti nella sesta parte del Codice del lavoro) e dei tirocini che ricadono nell'articolo  4153-1 del codice del lavoro dedicato ai minori di 16 anni.
L'ultima legge sugli stage (LOI n° 2014-788 del 10 luglio 2014) ha tre obiettivi: promuovere la realizzazione di stage di qualità; evitare che gli stage vengano utilizzati per sostituire regolari rapporti di lavoro; migliorare lo status dei tirocinanti. La normativa rafforza lo status di “persona in formazione” del tirocinante nei confronti del datore di lavoro, ribadendo l’importanza della Convention de stage e lo scopo prettamente formativo dello stage, fatto durante i propri studi, prima del conseguimento del titolo. Con il decreto 1359 del 26 ottobre 2015 vengono inoltre stabiliti dei limiti all'utilizzo dello stage da parte delle aziende e vengono ulteriormente ampliati e rafforzati i diritti degli stagisti. La convenzione di stage, che riassume i principali diritti e doveri delle tre parti contraenti, deve essere sottoscritta dal soggetto promotore, dall’organismo ospitante e dallo stagiaire. In Francia i principali promotori di tirocini formativi sono le istituzioni scolastiche, i centri di formazione professionale per adulti (GRETA) e le università. Le grandi aziende sono quelle generalmente più attive nell’offrire opportunità di stage, ma negli ultimi anni sono sempre più numerose le piccole e medie imprese disposte ad accogliere giovani stagisti.

 

Documentazione richiesta

Per fare uno stage di durata non superiore ai 3 mesi è sufficiente, per i cittadini dell’Ue, essere in possesso di un passaporto o di una carta d'identità. Se lo stage ha una durata superiore ai 3 mesi, è necessario avere un'assicurazione sanitaria che copra tutti i rischi e disporre di risorse sufficienti per non gravare sul sistema di assistenza sociale francese. Non è quindi richiesto alcun permesso di soggiorno o di lavoro.

 

 

Lingua, moneta e costo della vita

La lingua ufficiale è il francese, mentre quella commerciale più utilizzata è l’inglese.

La moneta è l’euro.

In questo Paese il costo della vita è leggermente superiore rispetto alla media europea, ma - per quanto riguarda la capitale - i costi aumentano notevolmente. Se a Parigi l'affitto di un piccolissimo appartamento può arrivare a costare oltre 1.000 euro, in altre zone del Paese possono essere sufficienti dai 500 ai 700 euro. Nella capitale un abbonamento mensile ai trasporti per tutte le zone della città costa 75 euro, mentre un pranzo in un ristorante economico costa all'incirca 15 euro. In Francia nel 2019 il salario minimo mensile è di 1,521.22 euro.

Dove alloggiare

Trovare un buon appartamento, o anche solo una stanza, prima dell'arrivo in Francia può essere difficile. In tal caso ci si può arrangiare, in attesa di trovare una sistemazione più adeguata, negli ostelli della gioventù (Auberges de Jeunesse) o in una delle catene di hotel economici molto diffusi in tutto il Paese. Per gli ostelli si possono consultare i siti della FUAJ (Fédération Unie des Auberges de Jeunesse) e della LFAJ (Ligue Française des Auberges de Jeunesse); anche gli ostelli dei Giovani Lavoratori (Foyer de Jeunes Travailleurs – FJT), gestiti dall’UNHAJ (Union Nationale puòr l’Habitat des Jeunes), sono economici e presenti su tutto il territorio francese. Per quanto riguarda invece le catene di alberghi economici, spesso un po' fuori città, si possono vedere gli Hotel Formula1Première Classe o Ibis che vanno tuttavia prenotati con largo anticipo essendo spesso al completo.

La crescita dei prezzi ha aumentato la diffusione delle case condivise, soprattutto tra giovani e studenti, che può costituire una buona soluzione. Condividere un appartamento può essere, inoltre, un’ottima opportunità per favorire il proprio inserimento nella vita sociale, farsi nuovi amici e migliorare la conoscenza della lingua. In tal caso la strada migliore è consultare i siti web di annunci o, ancora meglio, pubblicare un annuncio di ricerca per un appartamento in coabitazione, magari nel quartiere in cui si terrà lo stage. Per chi fosse interessato a questo tipo di soluzione, ecco alcuni siti utili: www.appartager.com – www.lacartedescolocs.fr -  www.leboncoin.fr – www.rentapart.comwww.lodgis.com www.book-a-flat.com – www.autroisieme.com. Se si è ancora studenti può infine essere molto utile vedere gli annunci sempre aggiornati su Lokaviz, il sito web ufficiale della rete di alloggi per studenti.

 

Altre fonti per la ricerca dello stage

Oltre a consultare il portale Eures, e magari rivolgersi per informazioni al centro Euroguidance francese, è possibile consultare una miriade di siti internet o di motori di ricerca che forniscono assistenza per facilitare l’incontro tra domanda e offerta di lavoro o di stage nei diversi settori economici.
Di seguito sono indicati solo alcuni siti, appositamente selezionati, utili per cercare uno stage in Francia. Da tener sempre presente che in Francia esiste solo il tirocinio di tipo curriculare, quindi per poter effettuare uno stage è necessario essere iscritti ad una scuola, università, centro di formazione…

  • Aidostage è un sito dedicato agli annunci di stage in tutti i settori ed in tutta la Francia;
  • Bacplus è rivolto agli studenti ed offre anche annunci di stage;
  • Cadremploi, partner del sito Le Figaro (con un’ampia sezione dedicata agli stage), offre annunci di stage selezionati ed aggiornati;
  • Campus France offre informazioni riguardo all’accoglienza di studenti stranieri in Francia. Campus France è infatti l’Agenzia nazionale per la promozione della mobilità internazionale e l’accoglienza degli studenti stranieri;
  • Capcampus è uno dei primi portali per studenti in Francia ed ha una sezione dedicata alle offerte di stage;
  • Il Centre Information Documentation Jeunesse (CIDJ) offre ampie sezioni dedicate al tema dello stage e alle offerte di stage;
  • Il sito delle Chambres de Commerce et d'Industrie raccoglie le informazioni e i link di tutte le Camere di Commercio francesi;
  • Il sito della Chambre Franco-Allemande de Commerce et d’Industrie seleziona e pubblicizza offerte di stage in particolare per ragazzi bilingue;
  • Directemploi seleziona stage: per aderire ad una offerta è necessario registrarsi;
  • France Emploi, oltre alle offerte di lavoro, propone annunci di stage in tutta la Francia;
  • IQuesta: stage selezionati in tutta la Francia;
  • Mon stage en ligne  è il portale nazionale degli stage di formazione in impresa del Ministero dell’educazione, insegnamento superiore e ricerca realizzato dall’Onisep. Offre stage per studenti in tutta la Francia e in Germania; se non si trova un’offerta idonea si ha la possibilità di fare una richiesta specifica per la promozione di uno stage; per poter accedere a tutte le informazioni è necessario registrarsi;
  • JobTeaser, sito web e app mobile in francese, italiano, inglese, spagnolo, offre stage in Francia in tutti i settori;
  • Option Carriere è un motore di ricerca che offre annunci, anche di stage in tutta la Francia;
  • Pôle emploi offre molti strumenti pratici per facilitare l’incontro domanda-offerta di lavoro in Francia e per contattare le aziende francesi;
  • Services Communs Universitaires d’Information et d’Orientation (SCUIO) si rivolgono agli studenti universitari e sono ricchi di informazioni e strumenti per la ricerca di uno stage. Ciascuna università francese ha il proprio servizio di informazione e orientamento (SCUIO o SUIO) ed è pertanto consigliabile consultare i siti internet dei singoli atenei;
  • Stages offre una vetrina di offerte continuamente aggiornate per cercare uno stage in Francia, soprattutto nelle grandi aziende;
  • Qui offerte di stage nel settore culturale (comunicazione, audiovisivi, spettacolo, media, belle arti ecc.), nel campo del web e della stampa;
  • StudentJob propone numerosi annunci di stage nei settori della vendita, del marketing e nel turismo;
  • Vip stage offre schede dettagliate di offerte di stage per studenti in tutta la Francia; il nome dell’azienda non viene pubblicato, ma – compilando un modulo online –  si invia la candidatura direttamente all’azienda. 

Infine, per informazioni e orientamento sulle opportunità di mobilità, si può fare riferimento all’ufficio francese di coordinamento della rete Eurodesk o ai diversi sportelli presenti sul territorio.

Indirizzi utili
  • Ambasciata di Francia in Italia – Palazzo Farnese, piazza Farnese, 67 – 00186 Roma – tel. + 39 (0)6 686011 (la Francia in Italia ha anche tre Consolati generali con sede a Milano, Roma e Napoli)
  • Ambasciata d’Italia in Francia – 51, rue de Varenne – 75007 Paris – tel. +33 (0)1 49540300  – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Consolato Generale d’Italia in Francia – 5, boulevard Emile Augier – 75116 Paris – tel. +33 (0)1 44304700 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Istituto Culturale Italiano – 50, rue de Varenne – 75007 Paris – tel. +33 (0)1 44394939 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Camera di Commercio italiana per la Francia di Marsiglia – 2, rue Henri Barbusse – 13001 Marseille – tel. +33 (0)4 91908117  – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Camera di Commercio italiana di Lione – 8, rue Jospeh Serlin – 69001 Lyone – tel. +33 (0)4 72003240  – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Camera di Commercio italiana di Nizza – 14, boulevard Carabacel – 06000 Nice – tel. +33 (0)4 97030370  – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • ICE – Agence italienne pour le commerce extérieur - Italian Trade Agency – 44, rue Paul Valery – 75116 Paris – tel. +33 (1)5 3757000 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • ENIT (Office National Italien de Tourisme) - 23, rue de la Paix – 75002 Paris – tel. +33 (1)4 2660396 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Euroguidance France Réseau Emploi – Centre INFFO – 4, avenue du Stade de France – 93218 Saint-Denis-La-Plaine cedex – tel. +33 (0)1 55939191 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Euroguidance France Réseau Education – ONISEP – 12, mail barthélemy Thimonnier Lognes – 77437 Marne la Vallée cedex2 – tel. +33 (0)4 73190140 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.